Come e Dove Investire Oggi i Soldi: Strategie e Consigli per non Rischiare – GUIDA 2018

La tv da tempo sostiene che la crisi economica sta finendo. Che sia una bugia oppure no, in molti si domandano come investire soldi oggi per mettere i propri risparmi al sicuro.

Dove investire nel 2018? Quali sono le prospettive per i risparmiatori? Ci sono prodotti più interessanti degli altri?

Benvenuto su Investire24, il blog dedicato agli investitori consapevoli e informati. Di seguito troverai una guida completa ai migliori investimenti, divisi non solo a seconda delle potenzialità dell’investimento ma anche in base alle proprie esigenze e al proprio profilo di rischio.

Per gestire i propri soldi, un risparmiatore che non vuole rischiare con degli investimenti sul mercato azionario può optare degli strumenti finanziari che presentano aspetti vantaggiosi a cui fanno eco dei fattori svantaggiosi.

È bene chiarire fin da subito che la stabilità e la sicurezza “si paga” con il mancato guadagno, per cui, se vuoi investire il denaro in strumenti che non ti facciano avere delle perdite, è bene che tu sappia che non devi aspettarti dei miracoli.

Su Investire24 vedremo tutte le più tranquille prospettive per mettere al sicuro i propri soldi senza rischiare di perderli e le altre alternative più rischiose da mettere in campo per trarre maggiori profitti.

Scopriamo, quindi, su cosa investire oggi: i risparmi vanno messi al sicuro, possibilmente senza commettere errori di cui potremmo pentirci.

I fondamentali degli investimenti: cosa sapere prima di muoversi

Prima di addentrarci più nello specifico del problema è però necessario analizzare la questione investimento in generale.

Quali sono i criteri secondo i quali dobbiamo valutare la bontà di un determinato strumento?

  • il rischio: ad ogni strumento è associato un rischio; tendenzialmente, come vedremo più avanti, più è elevato il rischio più elevati sono i potenziali guadagni;
  • il guadagno potenziale: quanto possiamo portare a casa? Che percentuale di guadagno, almeno in potenza, abbiamo?
  • la durata: alcuni investimenti, come vedremo, sono vincolati ad una determinata scadenza, altri invece possono cominciare a produrre frutti già da subito;
  • la tassazione: strumenti diversi hanno aliquote diverse e spesso il vantaggio nello scegliere uno strumento più rischioso può essere vanificato completamente da una tassazione meno vantaggiosa.

Cominceremo la nostra rassegna partendo dagli strumenti a più basso profilo di rischio, quelli che per intenderci sono adatti al risparmiatore che si accontenta di remunerazioni minime a patto che il capitale non sia a rischio.

Chiudi la tua situazione debitoria

Se stai pensando come investire i tuoi risparmi, vorremmo prima farti riflettere su un passaggio a nostro avviso precedente l’investimento: qual è la tua situaizone debitoria?

Non è così immediato pensare a questa cosa, ma avere rate di un mutuo, di un prestito o una finanziaria da pagare è un elemento di disturbo nella nostra scalata all’incremento delle nostre finanze: alla fine, discorso si riduce al noto proverbio “ogni soldo risparmiato è un soldo guadagnato”, ed è proprio così.

Per questo motivo, il consiglio di questo paragrafo è un consiglio da tenere in debita considerazione: eliminare i debiti è il primo passo per avere più risparmi da investire o no.

È pressoché impossibile, oggi come oggi, non avere debiti: l’acquisto della casa, dell’auto, l’apparecchio per i denti, una cartella esattoriale di Equitalia inaspettata… L’indebitamento è una condizione crescente, ma non avere debiti è fondamentale per chiunque voglia investire, anche perché per ogni prestito devi corrispondere degli interessi.

Se ti trovi nella situazione descritta avrai capito che non è saggio investire, perché i soldi potrebbero essere sfruttati prima per saldare i tuoi debiti. Ma come? Grazie alla legge n.3 del 2012 puoi ridurre o eliminare in modo totalmente legale i tuoi debiti, ricorrendo all’aiuto degli esperti dell’esdebitamento, i quali ogni giorno si destreggiano nel dialogo con banche e istituti di credito.

Se hai, infatti, puoi ottenere una consulenza gratuita da un team di dottori commercialisti, avvocati tributaristi e fiscalisti che ogni giorno combattono contro la burocrazia statale e bancaria e che possono offrirti soluzioni concrete per ridurre notevolmente i tuoi debiti in modo legale e aumentando la tua capacità di crescita finanziaria.

>> Richiedi una Consulenza Gratuita <<

Conti deposito

Fatta questa premessa circa l’importanza dell’eliminazione dei debiti, passiamo a cercare di capire come gestire i nostri risparmi, finalmente liberi da rate opprimenti.

La prima e probabilmente più sicura e meno impegnativa formula di risparmio è quella data dai conti deposito, anche se bisogna calcolare che per avere ritorni interessanti bisogna vincolare la cifra scelta per ameno 6 mesi e soprattutto bisogna sempre ricordare che ci sono spese da valutare, ossia le tasse al 26% e l’imposta di bollo (che talvolta è a carico della banca).

A parte ciò, questi strumenti sono estremamente sicuri, in quanto fino a 100 mila euro contano sulla garanzia del Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi.

Risparmio Gestito

Passiamo ad una seconda analisi, adatta a chi possiede almeno 20 mila euro. Spesso le anche ci propongono le assicurazioni o le pensioni integrative per far fruttare queste somme. Tuttavia potrebbe essere saggio evitare gli investimenti di tipo assicurativo e considerare solo marginalmente la previdenza complementare, a causa dei costi e della scarsa flessibilità. Quindi quale alternativa c’è nell’ambito del risparmio gestito?

I fondi comuni di investimento

Questi sono strumenti di risparmio collettivo gestito al 100% che nascono per permettere ai risparmiatori di diversificare su diversi mercati, senza dover necessariamente controllare le azioni, le obbligazioni e così via con costanza quotidiana.

Infatti, optando per questa strada, potrai scegliere tra diversi pacchetti, differenziando, ma sempre nel rispetto delle regole dello statuto del fondo stesso.

Esistono tantissime tipologie di fondi, non necessariamente pensati per investitori che hanno un alto profilo di rischio. Eccone alcuni tra i più noti:

  • fondi obbligazionari: questi basano i propri investimenti in primis sulle obbligazioni statali e su quelle aziendali; si tratta di strumenti tra i più sicuri in questa categoria, sebbene sia sempre raccomandabile controllare la tipologia di obbligazioni acquistabili, per evitare di puntare su obbligazioni di stati poco solidi;
  • fondi azionari: chi punta in questi fondi deve essere maggiormente teso verso il rischio, poiché si tratta di strumenti che investono sulle azioni dei mercati azionari; i rendimenti sono molto golosi, ma ovviamente sono più rischiosi come strumenti, se paragonati a quelli del punto precedente;
  • fondi misti e bilanciati: contengono investimenti azionari, investimenti sul mercato obbligazionario e investimenti liquidi in valuta; la composizione è variabile e influenza il profilo d rischio;
  • fondi immobiliari: sono fondi che investono esclusivamente in patrimoni immobiliari e in azioni e quote di altri fondi immobiliari o di società immobiliari.

Qual è lo svantaggio maggiore? I costi di gestione, che sono molto alti, tanto da annullare i guadagni è il limite maggiore. È ovvio che stai pagando un servizio, ma non è conveniente sborsare per questa comodità (innegabile) fino al 4% annuo, senza dimenticare il costo della rete commerciale ha a sua volta un prezzo elevato.

Inoltre, un altro svantaggio è dovuto alla difficoltà di liquidare gli investimenti, sia se vuoi disinvestire i soldi da un fondo comune (servono giorni), sia se vuoi disinvestire da una polizza assicurativa, operazione non solo lenta ma anche costosa.

Se non te la senti di investire in totale autonomia ma vuoi slegarti da queste dinamiche costose, come fare?

Moneyfarm

MoneyFarm è un’azienda italiana che è stata premiata da Corriere Economia come miglior consulente online indipendente. Il suo obiettivo è quello di rendere accessibile a tutti la consulenza finanziaria (in linea di massima molto costosa), ma a prezzi contenuti.

Questa piattaforma ti permette di costruire un portafoglio diversificato, fondato sulla base delle tue reali propensione ai rischi ed esigenze a costi davvero vantaggiosi rispetto a quelli proposti dalle banche: parliamo dello 0,8% a fronte del 4% che abbiamo visto poc’anzi! Non devi fare altro che iscriverti gratuitamente e compilare il questionario d’ingresso per identificare il tuo profilo e ricevere gratis la consulenza di un advisor, che ti guida nella personalizzazione del portafoglio, e ti segue nel tempo, per verificare l’aderenza dei risultati con gli obiettivi.

Non ultimo, Moneyfarm ti consente di investire in maniera automatica grazie alla tecnologia del robo advisor, che riduce i costi e rende più efficienti i rendimenti, che negli ultimi 5 anni hanno toccato punte pari allo 6% annuo.

Se sei alla ricerca di un servizio di questo tipo, ti consiglio di iscriverti alla piattaforma e ricevere la prima consulenza gratuita.

>> Iscriviti a Moneyfarm Adesso <<

Investimenti Immobiliari: Walliance

Non tutti sono in possesso di una cifra adatta all’acquisto di un immobile… Non tutti sono neppure in possesso della propria prima casa! Duque investire nel mattone potrebbe essere impensabile per molti, sebbene si tratti di un settore al momento vantaggioso.

Infatti il costo degli edifici è calato negli ultimi mesi, sebbene inizino ad esserci movimenti positivi che lascino presagire davvero una ripresa sulle compravendite immobiliari: ciò si traduce in una convenienza per chi acquista oggi.

Detto ciò, come può una persona che non dispone di capitali consistenti investire nel mattone? La soluzione è Walliance. Anche questa è una piattaforma innovativa che ha apportato una ventata di novità nel mondo degli investimenti.

Essa è la prima piattaforma italiana autorizzata dalla CONSOB e si basa sul meccanismo del crowfunding, che permette di investire senza necessariamente comprare una casa: bisogna solo registrarsi e scegliere tra le descrizioni effettuate dal proponente, in cui sono indicati tutti i dati necessari, a partire dagli obiettivi di raccolta e dal ROI annualizzato (il ritorno atteso annualmente da chi ha avviato l’iniziativa).

E per quanto riguarda la cifra da investire, puoi farlo con un minimo di 500€, una cifra molto accessibile. Oltre al vantaggio del costo da investire, ecco gli altri pro di Walliance:

  • Elimina la burocrazia: si fa tutto online;
  • Non ha limiti a livello di territorio: con Walliance puoi investire in tutto il mondo;
  • Diversifica il rischio: puoi ripartire il tuo patrimonio su più città e su più immobili, grazie al meccanismo del crowfunding.

Walliance è stata definita da giornali importanti, come Milano FinanzaIl Sole 24 Ore, e Repubblica, una opportunità da cogliere al volo per investire in immobili anche con piccole cifre.

>> Iscriviti a Walliance Adesso <<

Gli Indici Mondiali

Per chi vuole investire nel medio-lungo termine esiste un altro tipo di piattaforma: eToro, che si occupa di social trading. Che cos’è? Se non ne hai mai sentito parlare apri le orecchie, perché è un modo innovativo di investire basato sulla condivisione di informazioni tra trader, professionisti e non solo.

Nello specifico, vogliamo parlare di un servizio offerto all’interno di eToro stesso, ossia i CopyFunds, molto adatti al lungo periodo. La piattaforma ha composto un comitato di professionisti che crea dei fondi che replicano mercati o indici stabiliti.

Un vantaggio è che chi investe non deve gestire attivamente l’andamento dell’investimento, poiché è il comitato stesso a farlo. In particolare, una variante specifica del prodotto è particolarmente agile, ossia i CopyFund AllStocks, a cui puoi accedere con un investimento minimo di appena 5000 dollari, replicando i principali indici azionari mondiali.

Ad esempio:

  • SPX500;
  • DJ30;
  • CHINA50;
  • UK100;
  • NSDQ100.

Questo fondo ti garantisce una buona diversificazione a buoni rendimenti, come puoi vedere dal grafico: negli ultimi anni l’andamento è sempre stato positivo, anche se è fondamentale tenere a mente che questo fondo replica indici azionari, ragion per cui il rischio è maggiore rispetto a quello che corri con i depositi bancari, che invece ti assicurano il capitale.

>> Iscriviti a eToro Adesso <<

Detto ciò, ecco alcuni vantaggi dei CopyFunds di eToro:

  • Sono ideali per il lungo periodo: il tutto viene gestito dagli esperti professionisti della piattaforma stessa;
  • Hanno un obiettivo ben definito: ciò è fondamentale per non compiere operazioni rischiose inutilmente;
  • Non sono previste commissioni di gestione.

Per studiare personalmente il CopyFund AllStocks puoi iscriverti alla piattaforma di eToro gratuitamente: è disponibile una versione demo per metterti alla prova.

Investire in obbligazioni

Vediamo un’altra formula di investimento da considerare: quella in obbligazioni. Si tratta di un modo di investire considerato “sicuro”, sebbene non sempre lo sia. Diversamente da quanto avviene acquistando azioni, con le obbligazioni non diventi socio di una società, ma si contribuisce a finanziarne l’attività.

Vediamo alcuni dei punti focali di questo strumento:

  • il rating: devi valutarlo attentamente, in quanto rappresenta un riassunto della solidità dell’ente che ha emesso il titolo; se è alto, allora il titolo è ritenuto affidabile dai mercati, e quindi il rischio dovrebbe essere minore;
  • il tasso di interesse: esso può venire erogato a scadenze regolari o rimborsato alla scadenza del titolo; maggiore è il tasso di interesse, più il titolo è vantaggioso;
  • la durata: ogni titolo di stato o obbligazione hanno una loro durata; più il la scadenza è lunga, maggiore è l’interesse, più il titolo è rischioso;
  • la valuta: non tutti i paesi adoperano l’euro come valuta per i propri titoli di stato; è una delle variabili più importanti.

Investire in Azioni

Questa è delle forme di investimento più rischiose e di difficile gestione, anche se i guadagni sono in linea teorica più allettanti. Se vuoi orientarti verso mercati regolamentati, questo settore fa per te. Ma cos’è una azione? Si tratta di una partecipazione in un’azienda, partecipazione che ti consente di:

  • controllare la società in funzione del numero di azioni che possiedi;
  • percepire eventuali dividendi;
  • guadagnare dalla vendita delle azioni detenute.

Prima di scegliere questa strada, ricorda che:

  • è fondamentale valutare la solidità dell’azienda e quella dei suoi affari presenti e futuri;
  • non bisogna scordarsi della tassazione (26%) sulle eventuali plusvalenze;
  • è necessario affidarsi ad una piattaforma che ci permetta di scambiare azioni con commissioni il più basso possibile.

Altroconsumo Finanza: tra autonomia e consulenza

Vuoi investire autonomamente ma senza rinunciare ai consigli di analisti esperti? Esiste una soluzione che coniughi le due possibilità? La risposta è sì, ossia di AltroConsumo Finanza. Stiamo parlando di una rivista digitale che offre un servizio che guida l’investitore nella lettura ed analisi delle informazioni legate al mercato degli investimenti, pur ponendosi in posizione neutra rispetto a banche e altri istituti.

Se vuoi ottimizzare i tuoi investimenti in autonomia, ma con qualche suggerimento affidabile, AltroConsumo Finanza fa al caso tuo. Infatti:

  • elabora “portafogli modello” da cui prendere spunto: l’investitore compila una serie di domande mirate a identificare il profilo di rischio, sulla base del quale riceverà i consigli e suggerimenti;
  • ogni settimana fornisce consigli aggiornati su cosa comprare o vendere: gli analisti di AltroConsumo Finanza verificano con costanza i mercati;
  • propone assistenza telefonica gratuita: gli abbonati possono fare ricorso all’assistenza di un advisor indipendente;
  • è Gratis per il primo mese;
  • c’è il 50% di sconto sul primo anno, passati i primi 30 giorni;
  • ti regala un tablet:i nuovi abbonati hanno in regalo un tablet omaggio… L’offerta è valida ancora per pochi giorni!

Altroconsumo Finanza, per i motivi appena elencati, rappresenta il miglior servizio per chi vuole investire in autonomia, ma senza rinunciare ai consigli degli analisti indipendenti e preparati del team della rivista.

>> Prova Gratis Altroconsumo Finanza <<

I beni rifugio sono ancora una valida opzione?

In questo paragrafo vogliamo offrire una panoramica circa la possibilità di investire in beni rifugio, una strategia ancora molto apprezzata e valutata da chi ha un patrimonio da far fruttare. Cerchiamo di capire se conviene.

Investire in Oro

Questo metallo prezioso è tornato alla ribalta in questi mesi, ma è bene considerarlo come un investimento rischioso, in quanto rappresenta un bene rifugio molto volatile, che può guadagnare valore e perderlo altrettanto rapidamente.

I pareri sul futuro del prezzo dell’oro sono discordanti: nulla può davvero offrire la garanzia che il prezzo dell’oro continuerà a salire come è avvenuto in questi anni.

 

Bisogna poi ricordare che per effettuare questo investimento bisogna acquistare il metallo fisicamente. Tuttavia è pericoloso possedere un certo quantitativo di questo metallo in casa, senza scordare la commissione per il gioielliere!

Quindi, più che acquistarlo, c’è una opzione più vantaggiosa, ossia l’acquisto di titoli che rappresentano oro presso la propria banca: le commissioni sono più vantaggiose, sono più facili da vendere e più facili da proteggere, visto che l’oro è al sicuro e non in casa propria.

Questa è la strada più sicura per investire in oro.

Investire in diamanti

Un altro bene rifugio in cui investire è rappresentato dai diamanti, su cui può convenire fare affidamento per far fruttare i propri risparmi a patto che:

  • si intenda investire su un periodo molto lungo;
  • si sia disposti a correre il rischio di perdere tutto;
  • si voglia “speculare”, investendo parte del proprio capitale con lo scopo di guadagnare cifre molto alte.

Anche in questo caso è possibile investire in due modi:

  • acquistando titoli che indicano la proprietà di diamanti;
  • acquistare fisicamente una pietra con certificato, che anche in questo caso comporta rischi maggiori rispetto alla prima opzione.

Tuttavia è fondamentale tenere conto del fatto che investire in diamanti è molto più complicato rispetto a quello in metalli preziosi, poichè:

  • l’estrazione è veicolata da pochissime aziende, addirittura sono solo due le aziende che ne producono su scala mondiale, e questo incide sul prezzo del bene stesso;
  • la domanda per fini industriali è bassa e quindi non proprio in grado di muovere il mercato.

Può valere la pena di mettersi in gioco con questi presupposti, in virtù della solidità e capacità delle aziende di gestire il mercato da più di 100 anni, tuttavia non ci sono le premesse per un investimento veramente sicuro, anzi: si tratta di un investimento con un profilo di rischio alto e che regala i suoi frutti dopo moltissimi anni.

Investimenti speculativi

Passiamo ora ad affrontare il tema degli investimenti molto molto rischiosi, per restare in tema: attenzione perché alcune di queste soluzioni, che esaminiamo per amor di cronaca, sono al limite del gioco d’azzardo e quindi non sono del tutto consigliabili come tassello della nostra oculata strategia di investimento.

Le Criptovalute

La prima soluzione è rappresentata da Bitcoin, Litecoin, Ethereum e altre criptovalute, che rappresenta però un investimento decisamente complesso e volatile, anche in relazione alla giovinezza di questo settore, elemento che ne aumenta la volatilità.

È anche vero che la volatilità può essere allettante per chi vuole fare trading: sono proprio le oscillazioni a favorire i trader più esperti, anche se potrebbero comportare perdite significative.

Dunque bisogna investirci solo cifre che si è disposti a perdere, e possibilmente puntare su cifre davvero piccole: potrebbe essere consigliabile appoggiarsi alla piattaforma IQ option, che consente di aprire posizioni a partire da 1€ con deposito minimo di appena 10€.

IQ option, inoltre, offre una versione demo del conto, su cui è possibile trovare 10 mila dollari virtuali da utilizzare per esercitarsi a capirne il funzionamento.

Se vuoi investire piccole somme per provare il mercato delle criptovalute, IQ option è la soluzione più saggia: registrati subito sul sito ufficiale!

Le opzioni binarie: investimento o gioco d’azzardo?

Eccoci giunti ad un tema che riguarda invece uno dei settori che più si avvicina all’azzardo, ossia quello legato alle opzioni binarie: si tratta di opzioni esotiche permettono di raddoppiare una somma o di perdere tutto nel giro di pochi secondi.

Se sei alla ricerca di un investimento solido, capirai bene che questo settore non fa per te! Esistono comunque altri investimenti, come abbiamo visto, che hanno comunque un grado di rischio tale da giustificare eventuali guadagni (o perdite), ma che possono comunque avere un senso strategico.

Non è mai una buona idea optare per questi strumenti, a meno che tu non abbia una cifra bassa che sei veramente disposto a perdere.

I derivati

Anche i derivati hanno una cattiva fama: si tratta di strumenti fondamentali per le grandi aziende e le grandi banche per proteggersi da rischi complessi. In questa categoria è possibile trovare anche strumenti variegati e non necessariamente pericolosissimi per l’investitore (anche se molti sono proprio rischiosi per il capitale).

Tra i derivati più interessanti troviamo:

  • swap: questi strumenti consentono di scambiare un flusso di cassa con un altro, permettendoci ad esempio l’ingresso in realtà finanziarie a noi precluse;
  • le opzioni: le opzioni non binarie sono uno strumento interessante per investire. Infatti, prima dell’investimento stesso, saremo a conoscenza di quanto possiamo perdere al massimo. Questo tipo di contratto ci permette di avere il diritto a comprare o a vendere un certo bene a una somma determinata. Se l’acquisto fosse poco conveniente si può rifiutare, perdendo solo i soldi iniziali;
  • derivati complessi: sono contratti che seguono regole particolari e che vengono scambiati su mercati non regolamentati; hanno un ottimo potenziale remunerativo, ma è difficile trovare i contratti giusti.

Questi paragrafi ci hanno permesso di vedere gli strumento più rischiosi e consigliabili, da valutare soltanto su una piccola somma (che sia solo una minima parte e non il totale di quanto abbiamo risparmiato!), in modo da perdere, se dovesse accadere, una cifra a cui potevamo rinunciare.

Investire Oggi: a te la scelta

Abbiamo visto in questa trattazione introduttiva tutte le soluzioni per investire oggi i soldi in maniera redditizia.

A seconda del tuo profilo di rischio puoi optare per varie soluzioni che combinino redditività e rischio.

Su Investire24 trovi tantissime guide ed approfondimenti utili: investi sicuro, investi informato!

Potrebbero Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *