Conto Tascabile CheBanca: Opinioni sul Conto Online

Oggi torno a parlare di conti online e lo faccio con un prodotto offerto da CheBanca, gruppo online della holding MedioBanca, da sempre concentrata su offerte low cost.

Di seguito è riportato un approfondimento su due servizi messi a disposizione dall’istituto bancario CheBanca e sono: il Conto Tascabile Che Banca e la carta di credito CheBanca.

Chi è CheBanca?

Il gruppo CheBanca nasce ufficialmente nel maggio del 2008 ed appartiene al gruppo Mediobanca. Negli ultimi anni, oltre ad aprire delle filiali bancarie sul territorio nazionale in modo da poter dare un sostegno fisico e non solo online ai propri clienti, si è anche aperta a prodotti di risparmio, conti correnti e carte.

Il gruppo offre diversi servizi finanziari: dal conto deposito al conto corrente, mette a disposizione diversi tipi di mutui per andare incontro ad ogni esigenza e presenta diversi tipi di prodotti di investimento e assicurazioni. Inoltre per coloro che sono titolari di partita IVA sono anche disponibili opzioni di conto con carta prepagata e di conto deposito.

In cosa consiste il Conto Tascabile di CheBanca?

Il conto tascabile non è un vero è proprio conto corrente nonostante si avvicini parecchio. E’ una carta prepagata ricaricabile con IBAN che mette a disposizioni alcune delle funzioni solitamente offerte da un conto corrente.

Essendo una carta prepagata è possibile caricarla fino a 50.000 euro ed è utilizzabile fino ad esaurimento delle somme caricate. Possono essere fatti pagamenti e acquisti via internet grazie al circuito Mastercard ed anche presso esercizi commerciali convenzionati.

La presenza del codice IBAN la rende molto simile ad un conto corrente in quanto permette di fare bonifici , ricariche telefoniche, domiciliare le bollette e accreditare lo stipendio o la pensione.

Non essendo invece un vero e proprio conto corrente non sarà possibile ricevere o chiedere un carnet di assegni, chiedere che sia attivato un deposito titoli, fare investimenti finanziari oppure accedere allo scoperto di conto corrente e non sarai soggetto al pagamento dell’imposta di bollo.

Ma andiamo a vedere nel dettaglio i costi relativi a questo servizio:

  • 2 euro per il canone mensile del conto che viene addebitato l’ultimo giorno del mese;
  • prelievo gratuito presso lo sportello automatico CheBanca;
  • 3 euro per il prelievo presso lo sportello automatico in valuta diversa dall’euro o fuori dall’area euro;
  • Bonifici gratuiti ma solo in euro ed in area SEPA che include 34 paesi di cui 17 paesi sono appartenenti all’Unione Europea e utilizzano l’euro, gli  altri 11 paesi sempre appartenenti all’UE, utilizzano una valuta diversa
    dall’euro sul territorio nazionale ma comunque effettuano pagamenti in euro. Gli ultimi sei paesi rimasti invece non appartengo all’UE e sono: San Marino, Svizzera, Islanda, Norvegia, Principato di Monaco e il Liechtenstein;
  • pagamenti tramite MAV gratuiti;
  • pagamenti ricariche telefoniche gratuite;
  • pagamento canone TV gratuito;
  • pagamento bollette gratuito;
  • pagamento F23 e F24 gratuito;
  • 0,40 euro per il pagamento dei bollettini presso gli sportelli di CheBanca;
  • 1,87 euro per il pagamento del bollo auto.

Puoi tranquillamente richiedere la carta o recandoti direttamente presso una delle filiali presenti sul territorio nazione oppure attraverso il telefono o infine tramite internet.Inoltre avrai la libertà di poter fare tutte le operazioni che vuoi in qualsiasi momento e ovunque e, pur usandola come carta di credito, l’addebito risulterà essere immediato in quanto in realtà non lo è.

Puoi anche decidere di ricevere, ogni volta che utilizzi la carta, una notifica per informarti sui soldi spesi e sul saldo. Questo può avvenire attraverso un sms che sarà gratuito per pagamenti e prelievi superiori a 50 euro, mentre attraverso l’apposita App o via email è sempre gratuito.

Il conto può essere considerato sicuro?

Per quanto riguarda la sicurezza bisogna prestare molta attenzione però. Prima di tutto da come ho detto, i bonifici è possibile farli solo per 34 Paesi, quindi sarà utile chiedere all’operatore o vedere sul foglietto informativo, la funzione dei bonifici per quei paesi che non rientrano nella lista.

Di solito, per chi accede ad un conto corrente, vi è sempre un fondo di tutela dei depositi a cui aderisce la banca per non trovarsi impreparati nel caso in cui il correntista voglia la totale o parziale liquidazione del conto. Per questo servizio, il fondo di tutela non c’è e questo significa che se mai dovessero esserci problemi, pur difficile che sia,questo tipo di tutela mancherà.

In realtà il rischio più concreto e alto è quello legato al furto o allo  smarrimento della carta ricaricabile assieme al relativo codice PIN e ai codici Identificativi per l’accesso ad internet. In questi casi qui, per ridurre il rischio al minimo, è sempre consigliabile che il titolare del conto osservi le comuni regole di prudenza e attenzione.

Come avviene la chiusura del conto?

Nel momento in cui si stipula il contratto per avere il conto tascabile, bisogna tenere a mente che la durata di tale contratto è indeterminata. Ciò non toglie ovviamente la possibilità al cliente di poter recedere in qualsiasi momento senza incorrere in penali o in spese extra non dovendo neanche indicare il motivo del recesso, basta che questo avvenga mediante una comunicazione scritta.

Il recesso inizia ad avere effetto nel momento in cui la banca ne riceve la comunicazione. Inoltre, il canone mensile non sarà più dovuto e quindi addebitato dal mese successivo.

Può anche capitare che il cliente attivi una procedura per il
trasferimento di alcuni servizi di pagamento connessi al rapporto. In questo caso il recesso può avvenire anche attraverso un’apposita autorizzazione appositamente rilasciata alla banca di destinazione dei predetti servizi.

Anche la banca ha la facoltà di poter recedere ma per farlo deve comunicarlo per iscritto al cliente con un preavviso di 2 mesi. Anche in questo caso il canone mensile non sarà più dovuto dal mese successivo. In caso di recesso, i tempi massimi di chiusura saranno pari a 30 giorni sempre se la normativa vigente non preveda altro.

La Carta di Credito di CheBanca

Attraverso la carta di credito sarà possibile acquistare beni o servizi in qualsiasi esercizio aderente ai circuiti, che in questo caso è Mastercard, ai quali è abilitata la carta oppure è possibile prelevare dei contanti con addebito posticipato.

Grazie al sistema Mastercard SecureCode, è possile proteggere i propri acquisti fatti online. Innanzitutto bisogna attivare il servizio accedendo nella propria area clienti, questo permetterà di ricevere un OTP via sms tutte le volte che si conferma un acquisto online e sarà indispensabile per concludere l’acquisto. In questo modo si vuole impedire che ci sia un utilizzo illecito della propria carta sul web.

Ma passiamo ai costi relativi la suddetta carta di credito. Prima di tutto il canone annuo sarà pari a zero se la carta viene utilizzata per almeno 5.000 euro nell’anno, in caso contrario invece, il canone sarà pari a 24 euro.

L’estratto conto online è sempre gratuito mentre per i prelievi presso gli sportelli automatici ATM è previsto il 4% con minimo 2,50 euro per operazione. Rimangono gratuiti invece i pedaggi autostradali, i servizi FastPay e il rifornimento di carburante. Per quanto riguarda invece il prelievo massimo giornaliero, questo è pari a 500 euro sia in Italia che all’estero.

Per scoprire le altre caratteristiche di altre carte prepagate, conviene leggere la sezione di Investire24 dedicata!

Potrebbero Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *